giovedì 20 dicembre 2018

La psicologia del regalo

Il mese di dicembre è il mese dei regali, e ciò vale a maggior ragione a casa Po, dove oltre al Natale festeggiamo un compleanno.


C'è chi regalo sì e chi regalo no, c'è chi ama e chi odia le feste comandate; a me piacciono!
L'uomo è un essere sociale e ok lo sappiamo tutti, quel che forse non abbiamo mai pensato è che il donare è un'azione sociale, tanto uguale quanto unica: non tutti fanno regali, le motivazioni personali che spingono a fare il regalo variano e il regalo varia a seconda del ricevente.
Regalare non è sinonimo di essere altruisti o generosi, bensì un messaggio di simpatia ed affinità, oltre ai noti regali obbligati per carineria che tuttavia lasciano il tempo che trovano sia in chi li dona che in chi li riceve.
Secondo lo psicologo Messinger il regalo costoso denota egocentrismo e interesse per il giudizio altrui, e francamente concordo, mi sembra più un voler fare bella figura da parte di chi regala.

Come accennavo capita, specie sotto le festività natalizie, che il regalo diventi un dovere ma nella maggior parte dei casi è un piacere, un gesto intriso di aspettative ed emozioni.
Quando ricevono regali ci sono persone che vivono con sentimenti negativi il non poter ricambiare: anche a me è successo di trovarmi a mani vuote ma non l'ho presa così male; mentre quando sono stata io a donare senza scambio non ho mai provato dispiacere per non aver ricevuto a mia volta.

Quando porto un dono a qualcuno non parto con l'aspettativa di scartare, ma di lasciar scartare, sperando di aver reso felice, fosse anche per un nanosecondo, l'altro.
Mentre scelgo il regalo per la persona X cerco di avvicinarmi ai suoi gusti mescolandoli sempre un po' ai miei, che sia un classico bagnoschiuma o una stravagante idea, senza dimenticare l'utilità di quanto sto donando, non vorrei finisse in cantina inutilizzato.

E anche quest'anno ho passato ore sui regali, sia online che offline, con mio immenso piacere e speriamo di strappare un sorriso ai miei piccoli e grandi amici.

2 commenti: