venerdì 7 dicembre 2018

Per amore della lettura ho ceduto

Quanti anni sono che si è diffusa la lettura di e-book?
Ormai quasi tutti hanno l'e-reader.
Io no. Io inneggiavo la carta.



Si cambia. No, l'e-reader non ce l'ho, in compenso ho una decina di libri da leggere che aspettano in libreria.
Il tempo per leggere c'è, ma c'è quando tenere un libro in mano diventa impegnativo e allora ecco che il suo posto lo prende lo smartphone e il ciuccheggìo sui social.
Mi mancava leggere, mi mancava immergermi in storie non mie, non vere, capaci di trasportarmi in un altro qui ed ora.

Il momento d'eccellenza in cui posso leggere è quando mio figlio vede un dvd a letto o si sta addormentando, il che richiede luce spenta e un braccio è suo quindi sfogliare e tenere un libro... sì insomma più volte me lo sono tirato sul naso.
Un altro momento è quando mi ritrovo ad aspettare, in posta, mia figlia che esce dal catechismo, dal dottore, dal veterinario; a volte mi capita di rimanere 'bloccata' in auto che qualche mio guerriero riposa tra uno spostamento e un altro.
In tutti questi momenti un libro non ce l'ho. Sono già stesa a letto e non posso alzarmi o sono fuori casa.

E così ho ceduto, a Google Libri, sul cellulare.
E finalmente sono tornata a leggere, ad avere sempre con me il libro del momento e a ritrovare quel magico momento di relax.

6 commenti:

  1. Io mi sono convertita da qualche anno ai libri digitali. Il kindle retroilluminato è me.ra.vi.glio.so!!!! Il difetto è che crea dipendenza: mi è capitato di svegliarmi in piena notte e di mettermi a leggere con la testa sotto le coperte. Certi libri vanno finiti, subito; perché perdere tempo dormendo???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahha hai ragione.
      Mi sembra di capire che il kindle sarebbe un buona richiesta per babbo Natale

      Elimina
  2. Sono passato al Kindle perché leggo prevalentemente in metropolitana e la pesantezza di alcuni libri (intesa come numero di pagine) unita ai caratteri talvolta piccoli con i quali sono stampati (che non vanno d'accordo con un principio di presbiopia ;-)) hanno reso sempre più difficile la lettura :-(

    RispondiElimina